Radical kitch

Faccio spesso colazione al bar.

L’altro giorno chiedo una brioche e il mio barista di fiducia mi fa: “Questa, signor Mainato, è ancora calda: così potrà apprezzarne tutta la fragranza”.

Il giorno dopo, mentre bevo il caffè mi guarda compiaciuto e mi chiede: “Non percepisce l’intensità dell’aroma che si sparge nell’ambiente circostante?”

Stamattina, mentre sto pagando: “Non importa se non ha i 50 centesimi, me li darà un altro giorno. Noi non siamo esosi, non amiamo estorcere il denaro al cliente, e siamo fondamentalmente convinti della sostanziale rettitudine dell’animo umano”.

A questo punto non ho resistito: mi sono accostato al suo orecchio e gli ho chiesto con discrezione: “Scusi, ma lei come fa a conoscere così tanti vocaboli pur essendo solo un umile barista?”

Sono da sempre dalla parte del popolo, tanto che mi accusano di essere un popolano, ma ultimamente non lo frequento molto e non pensavo avesse raggiunto simili livelli.

Signori, qui bisogna levarsi il cappello.

Oggi stesso mi recherò all’Emporio Armani per acquistarne uno.

capp

Annunci

4 pensieri su “Radical kitch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...